Information Portal of European Bishops' Conferences

Address of His Excellency Mgr. Stanislav Zvolensky to the Prime Minister of Slovak Republic

20 June 2017

Your Excellency, Prime Minister of Slovak Republic,
Your Excellency, Apostolic nuncio in Slovak Republic,
Dear brothers in episcopal service, ladies and gentlemen:

on behalf of the Slovak Bishops' Conference, am glad to welcome in our Plenary session the Prime minister of Slovak republic, Mr. Robert Fico. Beyond every doubt, the presence of one the highest public representatives of Slovak republic at the gathering of Catholic bishops is a proof of good relations between Slovak republic and Holy see, as well as a sign of positive cooperation between the Catholic church in Slovakia and the government of Slovak republic.

In this occasion, please allow me - in the name of Slovak Bishops' Conference - to share a few thoughts connected with actual problems, and to reflect on the standing of the Catholic church in our society.

Recently, there has been a lot of discussion regarding the future of Europe, or - more precisely - the future of European union. This discussion is pertinent: problems as migration, "Brexit" or growth of populism on the left as well as on the right side of political spectrum caused fear of future and apprehension in several citizens of the old continent. The Catholic Church is an integral part of general public - and we wish to contribute to the society's development by emphasizing the achievements gained thanks to the European integration. At the moment, we may mention two facts that frame our thinking.

In the first place, it is the thought of pope St. John Paul II., who often dedicated his addresses to the theme of "Europe", emphasizing that the continents breathes with two lungs: East and West. This thought expresses the conviction that Europe would not be complete without the cultural and spiritual heritage of its middle and eastern part. We belong to this sphere, which has its emancipated position in the European Union - and many things to offer. The second moment is the slogan of the European Union - "Unity in diversity" - which underlines the principle of subsidiarity. It is important to keep this in mind, since the difficulties we face result mainly from disrespect for that very principle.

The principles of solidarity and subsidiarity and the principle of human dignity are three basic pillars on which we can build; we may also deepen their understanding in the light of Christian faith.

It is evident that human dignity is connected with human rights. Presently, we are witnessing their broader interpretations, conform to growing individualization of the society. The society, however, is not only a sum of individuals. It is necessary to openly affirm that the good of every individual should be balanced with the good of entire society - which is not always the case. The discussion regarding human rights is highly important. However, current experiences suggest that this discussion risks to be unilateral. That is why the Catholic church in Slovakia, together with other churches, endeavors to take part in the Governmental council for human rights, ethnical minorities and gender equality.

We are afraid that economical and technical questions will be the sole points in debate on the future of European union. In consequence, we risk that people - and even entire nations - will be treated as merchandise - according to the principle of expediency. The European union, unfortunately, has in some sense become a continent without hope, which can be evidenced by the demographic crisis that has extended across the continent, by advancing secularization and by the pressure applied on religions in order to push them out of the public space. In a certain sense, we are in a dead end street that resembles the fading Roman empire, as Pope emeritus, Benedict XVI. expressed it on May 13, 2004, when speaking to the Italian senators: "[The empire] continued to work as a huge historical framework, but was actually living off those who were to dissolve it, because it had no life-giving energy at all."

Searching for solution, we face the question: What does it mean, in fact, to be European? Revitalizing the integration project means turning back to the vision of its founders, who were active Christians. Respect for Christianity and Judaism, respect for nations and for the development of ancient European traditions certainly belongs to this vision. If we focus on these considerations in the Slovak context, we may call up two facts. Slovakia has mature civil society. Thanks to these "grass root movements" the Christian dissent resisted, the Candle demonstration was organized and the communist regime was defeated. The very same civil society, in spite of difficulties, was able to win complicated social struggles. Consequently, western liberal democracies are not automatically to become a universal "norm" we have to conform to.

Debating the future of Europe, it must be said that our ability to stay open to what exceeds us, is pivotal. Pope Francis, when visiting the European Parliament on 25 November 2014, said: "A Europe which is capable of appreciating its religious roots and of grasping their fruitfulness and potential, will be all the more immune to the many forms of extremism spreading in the world today, not least as a result of the great vacuum of ideals which we are currently witnessing in the West, since “it is precisely man’s forgetfulness of God, and his failure to give him glory, which gives rise to violence."

The Slovak Bishops' Conference backs the process of European integration, as well as the evolvement of Slovak membership in the European union. Attaining greater morality, responding to the demographic crisis and advancing the educational reform are the three main challenges we perceive in the social context of our homeland. I would also like to use this occasion to suggest larger generosity in acceptance of migrants, especially Christians, particularly women and children, who are already present in the territory of European Union, who completed the asylum process and for the moment remain in the camps of southern Europe.

When reflecting on our position within the European Union, two things should be seen as fundamental. We live in the cultural sphere of Central and Eastern Europe. The principle of solidarity means that our integration should not lead us into a situation of conflict - in principal matters - with other nations living on the continent. Quite on the contrary: we need to forge our historical experience and mutual vicinity into greater emancipation of the whole central-eastern region. Likewise, from the principle of subsidiarity we may educe that the progressing integration should not lead to disruption of our cultural and spiritual traditions. The recent signing of so-called Istanbul Convention is an example of how the integration should not look like. We consider unacceptable the pressure applied on those countries that have not yet ratified the Convention. Quite on the contrary: we think that Slovak republic should consider applying legal measures that would prevent us from having to deal with its ratification at all.

The European union has been sometimes enticed by the illusion of its own exclusive competence - that's why it's jurisdiction has extended into many spheres. It was not kept in mind, however, that the states were here before the Union. The solution to the present-day situation is not to be found in new regulations, but in the return to the objectives stated in the preamble of the Treaty on European union. Pope Francis, closing his address to the European Parliament, stated: "The time has come to work together in building a Europe which revolves not around the economy, but around the sacredness of the human person, around inalienable values." We fully identify with this statement.

Dear Mr. Prime Minister, please allow me to thank you and the Slovak government for your openness and for development of relations with the Holy See and the Slovak Bishops' Conference. We hope that we will shortly complete the process of preparation of bilateral accord on mutual recognition of academic titles. At the same time, we believe that dialogue will lead us to a suitable solution of church funding. An intensive communication on this matter has evolved in Slovak churches and religious communities. We are also ready to provide experts for the debate on fulfilling the Slovak republic's commitment to sign an agreement on the conscientious objection. I also use this occasion to suggest collaboration with the representatives of municipalities, in order to resolve persisting problems connected with the funding of church-established educational facilities.

Finally, please allow me, in the name of the Slovak Bishops' Conference, to wish you, as well all your collaborators, and the whole government of Slovak republic, a lot of success, wise decisions, good health and abundance of God's gifts.

Thank you.

****************************************************************

Italiano

Sua Eccellenza, primo Ministro della Repubblica Slovacca
Sua Eccellenza, Nunzio Apostolico nella Repubblica Slovacca
Cari Fratelli nel servizio episcopale, Signore e Signori:

A nome della Conferenza Episcopale Slovacca, sono lieto di dare il benvenuto nella nostra assemblea plenaria al primo Ministro della Repubblica Slovacca, Sig. (dr) Roberto Fico. Senza dubbio, la presenza di uno dei più eminenti rappresentanti pubblici della Repubblica Slovacca al collegio dei Vescovi cattolici, è segno dell’ottima relazione tra la Chiesa Cattolica Slovacca e il governo Slovacco.
Permettetemi in questa occasione – a nome della Conferenza Episcopale Slovacca - di condividere alcune considerazioni legate ai problemi attuali e di riflettere sulla presenza della Chiesa Cattolica nella nostra società.
Recentemente, il futuro dell’Europa, o meglio il futuro dell’Unione Europea, è stato al centro di molti dibattiti. Questa discussione è pertinente: problemi come migrazione, “Brexit” o crescita di populismi sia di destra che di sinistra, preoccupano molti cittadini del Vecchio Continente e sfociano in paura del futuro. La Chiesa Cattolica è parte integrante della società - e ci auguriamo di contribuire al suo sviluppo sottolineando le conquiste fatte grazie all’integrazione europea. Al momento possiamo citare due punti che incorniciano la nostra riflessione.
Prima di tutto, il pensiero di Giovanni Paolo II, che dedicando al tema dell’Europa vari interventi, si è espresso assimilando l’Europa ad un Continente che respira con due polmoni, l’Est e l’Ovest. Questa immagine esprime la convinzione che l’Europa, privata dell’eredità culturale e spirituale delle regioni centrali e orientali, non sarebbe completa. Noi apparteniamo a questa sfera, abbiamo una posizione emancipata nell’Unione Europea e molto da offrire. Il secondo punto è rappresentato dallo slogan dell’Unione Europea – Unità nella diversità – che sottolinea il principio di sussidiarietà. E’ importante ricordare questo, poiché le difficoltà che stiamo affrontando derivano soprattutto dal non rispetto di questo principio fondamentale.
I principi di solidarietà e sussidiarietà e il principio della dignità umana sono i tre pilastri su cui costruire; possiamo quindi approfondire la comprensione degli stessi alla luce della fede Cristiana.
E’ evidente che la dignità umana è connessa con i diritti dell’uomo. Oggi, siamo testimoni di una più ampia interpretazione di tali principi alimentata dal crescente individualismo della società. Tuttavia, la società non è solo la somma di individui. Bisogna affermare apertamente che il bene del singolo deve essere bilanciato con il bene dell’intera società – cosa che non sempre avviene. La discussione sui diritti dell’uomo è estremamente importante, ma l’esperienza corrente dimostra che tale discussione rischia di essere unilaterale. Ecco perché la Chiesa Cattolica Slovacca, insieme ad altre Chiese, tende a partecipare al Consiglio del Governo per i diritti dell’uomo, per le minoranze etniche e per l’equità di genere.
Riteniamo che nel dibattito sul futuro dell’Europa Unita, le questioni economiche e tecniche rappresentino gli unici punti, correndo così il rischio che le persone, o addirittura intere nazioni, vengano trattate come merce – in accordo piuttosto col principio di opportunismo.
L’Unione Europea, purtroppo, è diventata, in un certo senso, un Continente senza speranza, come emerge dalla crisi demografica che interessa tutto il Continente, dalla diffusa secolarizzazione e dalla pressione sulle religioni al fine di respingerle dalla sfera pubblica. Usando l’analogia del Papa Emerito Benedetto XVI ai senatori Italiani il 13 maggio 2004, potremmo dire di essere su una strada senza uscita che ricorda quella del declino dell’Impero Romano: “Il confronto con l'Impero Romano al tramonto si impone: esso funzionava ancora come grande cornice storica, ma in pratica viveva già di quelli che dovevano dissolverlo, poiché esso stesso non aveva più alcuna energia vitale”.
Affrontiamo la questione alla ricerca di una soluzione: cosa significa, infatti, essere Europeo? Ridare vita al progetto di integrazione significa tornare alla visione dei suoi fondatori, attivi Cristiani. Il rispetto per la Cristianità e per l’Ebraismo, per le Nazioni e per lo sviluppo delle antiche tradizioni europee, sicuramente appartiene a questa visione. Se applichiamo queste considerazioni al contesto Slovacco, emergono due realtà: la Slovacchia ha una società civile matura. Grazie ai “grassroot movements” (movimenti popolari) il dissenso cristiano ha resistito, è stata organizzata la Manifestazione delle candele e il regime Comunista è stato sconfitto. Nonostante le difficoltà, quella stessa società, è stata in grado di vincere le complesse minacce sociali. Le democrazie liberali occidentali, non devono quindi diventare una legge universale cui conformarsi.
Parlando del futuro dell’Europa, bisogna dire che la nostra capacità di rimanere aperti a ciò che è più grande di noi, è cruciale.
Papa Francesco, nella sua visita al Parlamento Europeo il 25 Novembre 2014, ha detto: “... un’Europa che sia in grado di fare tesoro delle proprie radici religiose, sapendone cogliere la ricchezza e le potenzialità, possa essere anche più facilmente immune dai tanti estremismi che dilagano nel mondo odierno, anche per il grande vuoto ideale a cui assistiamo nel cosiddetto Occidente, perché «è proprio l’oblio di Dio, e non la sua glorificazione, a generare la violenza”.
La Conferenza Episcopale Slovacca sostiene il processo di integrazione europea, come pure l’ammissione della Slovacchia a Stato Membro dell’Unione Europea. L’attenersi ad una maggiore moralità, la risposta alla crisi demografica e il miglioramento della riforma educativa sono le tre sfide più grandi da affrontare nel nostro territorio. Approfitto di questa occasione per esortare ad una maggiore generosità nei confronti dei migranti, particolarmente cristiani e soprattutto donne e bambini, già presenti nel territorio dell’Unione, che hanno completato le procedure per la richiesta d’asilo ma che sono ancora nei campi di accoglienza dell’Europa Meridionale.
Due aspetti sono fondamentali nella riflessione sulla nostra posizione all’interno dell’Unione Europea: viviamo nella sfera culturale dell’Europa Centrale e Orientale. Il principio di solidarietà implica che la nostra integrazione non deve portarci ad una situazione di conflitto – riguardanti le questioni principali – con le altre Nazioni del Continente. Piuttosto il contrario: dobbiamo trasformare la nostra esperienza storica e la mutua vicinanza in una più grande emancipazione dell’intera regione centro-orientale. Allo stesso modo, secondo il principio di sussidiarietà, dobbiamo segnalare che l’integrazione crescente non deve portare alla perdita delle nostre tradizioni culturali e spirituali. La recente approvazione della cosiddetta Convenzione di Istanbul è proprio un esempio di come non dovrebbe essere l’integrazione. Consideriamo inaccettabile la pressione esercitata sugli Stati che non hanno ancora ratificato tale Convenzione. Al contrario, riteniamo che la Repubblica Slovacca debba considerare la stesura di misure che prevengano l’obbligo di ratificarla.
L’Unione Europea è a volte caduta nell’illusione di una sua esclusiva competenza – questo spiega il perché di una giurisdizione estesa a varie sfere. Non si è tenuto conto, tuttavia, che qui c’erano degli Stati prima dell’Unione. La soluzione alla situazione presente non è nel cercare nuove regolamentazioni, ma nel ritornare agli obiettivi fissati nell’introduzione del Trattato sull’Unione Europea. Papa Francesco, al termine del suo intervento al Parlamento Europeo, ha dichiarato: “è giunta l’ora di costruire insieme l’Europa che ruota non intorno all’economia, ma intorno alla sacralità della persona umana, dei valori inalienabili”. In questa esortazione noi ci identifichiamo totalmente.
Spettabile Primo Ministro, mi permetta di ringraziare Lei e il Governo Slovacco per l’apertura e per lo sviluppo delle relazioni con la Santa Sede e la Conferenza Episcopale Slovacca. Spero che presto completeremo il processo di preparazione dell’accordo bilaterale per il mutuo riconoscimento dei titoli accademici. Allo stesso tempo, crediamo che il dialogo ci guidi ad un’adeguata soluzione per il sostentamento della Chiesa. A tal riguardo si sta sviluppando un intenso dialogo nelle chiese slovacche e nelle comunità religiose. Siamo inoltre pronti a fornire esperti per portare a termine l’impegno della Repubblica Slovacca a firmare un accordo sull’obiezione di coscienza. Colgo l’occasione per proporre una collaborazione con i rappresentanti delle municipalità al fine di risolvere il continuo problema legato al sostentamento delle strutture educative di pertinenza ecclesiale.
Infine mi consenta, a nome della Conferenza Episcopale Slovacca, di augurare a Lei, ai Suoi collaboratori e all’intero Governo Slovacco, ogni successo, la saggezza nelle decisioni, piena salute e l’abbondanza dei doni di Dio.
Grazie.

This site uses cookies simply to facilitate navigation. Info | Don’t show again